giovedì 12 aprile 2012

VOTO ZERO - FamaGOSTa.

Ci sono luoghi in cui degrado e bruttezza sono inevitabili o richiederebbero sforzi immani per essere attenuati. Discariche, aree industriali, tangenziali etc.

Ci sono invece luoghi brutti per dolo e incompetenza. Luoghi che nascono da pianificazione, in cui il progetto iniziale non avrebbe vincoli sostanziali e disporrebbe di ampi spazi vuoti potenzialmente sfruttabili al meglio.
Ma a Milano è proprio in questi casi nascono i mostri. Ecco a voi la stazione MM di Famagosta, Milano. totale assenza di verde, sicurezza, colore, comfort: spettrale.

Attenzione non parliamo di vandalismo o di writer che hanno degradato un luogo piacevole. Parliamo di un mostro di cemento e asfalto progettato senza cura e conservato peggio. La classica impostazione: è in periferia, allora deve essere periferico. Così il degrado avvolge la città e quando la città si espande il degrado periferico provvisorio (comune a molte metropoli) qui da noi diventa squallore centrale che segna il volto della città per sempre. Voto zero.

1 commento:

  1. Scenario postatomico, concordo.
    Sergio.

    RispondiElimina